Aldo Contini. Le alchimie della ragione · novembre 2019

È passato sulla terra leggero, com’è dato solo a coloro che, pur grandi, hanno saputo interpretare la loro vicenda terrena con rigore ma, al contempo, con distacco critico e disincantata ironia. Ad Aldo Contini (Sassari, 1924-2009), uno dei massimi artisti contemporanei che la Sardegna abbia espresso negli ultimi settant’anni, la Pinacoteca comunale di Oristano dedica la prima retrospettiva – a dieci anni dalla sua scomparsa -, per riscoprirne quell’inconfondibile “leggerezza” nell’affrontare le cose della vita e dell’arte e per rileggerne un’esperienza estetica tra le più complesse e stratificate.

Così Ivo Serafino Fenu introduce la mostra in esposizione nella Pinacoteca Carlo Contini di Oristano. Per questa mostra abbiamo realizzato tutte le immagini grafiche e di comunicazione.

Scarica il pieghevole

Aldo Contini - spazio

Somiglianze di famiglia · ottobre 2019

Il Museo Diocesano di Oristano celebra quattro uomini illustri che hanno accompagnato la vita culturale e artistica della città e rappresentano una tappa significativa nella storia dell’isola. Antonio Amore, Carlo Contini, Antonio Corriga e Giorgio Farris, oggi come ieri, sono motivo di orgoglio per la nostra comunità e per la prima volta li incontriamo riuniti in una collettiva.

Così viene presentata la mostra Somiglianze di famiglia al Museo Diocesano Arborense di Oristano per la creiamo l’immagine coordinata e le immagini fotografiche del materiale informativo.

Scarica il pieghevole

SDF - spazio

Le ispezioni nei pubblici esercizi · settembre 2019

La Confcommercio di Oristano organizza un seminario informativo dedicato alle Ispezioni nei pubblici esercizi e ci conferisce l’incarico per la realizzazione del materiale di comunicazione.

LE ISPEZIONI - spazio

Casta Diva · luglio/agosto 2019

Sono passati cinquant’anni da quel fatidico 20 luglio del 1969 quando Neil Armstrong mise piede sul suolo lunare, a sei ore di distanza dall’allunaggio. Era l’avverarsi di un sogno coltivato da millenni, era il rifiuto da parte dell’uomo dell’idea della sua finitezza e della sua solitudine nell’universo, era il sogno coltivato da Leonardo di mettere le ali e librarsi nell’aria come gli uccelli, dell’Astolfo ariostesco alla ricerca del senno perduto di Orlando, era il concretizzarsi delle imprese immaginate da Jules Verne: arrivare sulla luna, il nostro satellite, tanto familiare quanto irraggiungibile. Ma fu, contemporaneamente, la fine di un altro sogno spento dal principio di realtà, che privò la luna, la Casta Diva cantata dai poeti e dagli amanti, della sua aurea magica e perturbante capace, già in età neolitica, di svelare agli uomini l’esistenza dei cicli astronomici condizionandone gli umori, signora del tempo e, tout court, della vita e del suo divenire. Ma, dal 15 al 18 agosto di quello stesso anno, a Woodstock, fu anche il mondo della musica rock a toccare la luna: l’apice della generazione del flower power e suggello di una produzione discografica che segnò la storia del rock e che ancora, mezzo secolo dopo, suona attuale e fa scuola. Quattro mesi dopo, però, ci fu l’Altamont Free Concert, tenutosi in California il 6 dicembre e organizzato dai Rolling Stones che, col suo epilogo violento, segnò, per quella generazione, «la fine delle illusioni», divenendo il simbolo delle numerose utopie e delle altrettanto numerose cadute contro le quali si scontrarono i giovani di allora, alla ricerca di una luna conquistata e subito perduta. La XXI edizione del festival Dromos, dedicata alla Casta Diva e al recupero della sua pregnanza poetica, ne rileggerà i miti, ne ricercherà l’arcana fascinazione, ne indagherà quel lato oscuro che tanto la accomuna, simbolicamente, all’essere umano. Lo farà con la musica e attraverso l’arte in tutte le sue forme: un nuovo allunaggio per constatare magari, assieme al visionario Astolfo, che sulla luna sol la pazzia non v’è poca né assai / che sta qua giù, né se ne parte mai.

Con queste parole Ivo Serafino Fenu introduce la XXI edizione di Dromos festival. Per l’Associazione omonima seguiamo la progettazione grafica e la comunicazione.

• Scarica l’opuscolo

CASTA DIVA_ spazio

Shopping sotto le stelle · 2019

Estate 2019. Dodicesima edizione di Shopping sotto le stelle la manifestazione creata e organizzata dalla Confcommercio di Oristano. Fin dalla prima edizione (1998) realizziamo la campagna di promozione dell’evento.

Shopping 2019 - spazio

Philocalia e lo specchio di Narciso · maggio 2019

Il percorso espositivo definito dalle opere pittoriche e dai gruppi scultorei di Jacopo Scassellati dà forma a una via pulchritudinis in cui la Philocalia, intesa come personificazione di una virtuosa bellezza neoclassica che rapisce, incanta e conquista, lascia spazio a una sintetica koinè contemporanea, espressione dell’odierna cultura social e dell’antica concezione narcisistica del culto di sé.

Così viene presentata la mostra Philocalia e lo specchio di Narciso al Museo Diocesano Arborense di Oristano per la quale creiamo l’immagine coordinata e il materiale informativo.

Scarica il pieghevole

Philocalia - spazio

 

Sancta Sanctorum · aprile 2019

Tutta l’opera di Ettore Aldo Del Vigo gravita su tre polarità coercitive e ineludibili: l’arte, lo spirito, la carne. Il Sancta Sanctorum è, in tale contesto, un luogo immateriale, metafisico e surreale, uno spazio nel quale le tre polarità si intrecciano, convivono, confliggono e deflagrano, mentre il rapporto con l’arte, nel suo dipanarsi storico e nel suo trasformarsi in tradizione, diviene viscerale e totalizzante.

Così Ivo Serafino Fenu introduce la mostra in esposizione nella Pinacoteca Carlo Contini di Oristano. Per questa mostra abbiamo realizzato tutte le immagini grafiche e di comunicazione.

Scarica il pieghevole

Sancta Sanctorum - spazio

Il tuo futuro si chiama Sardegna · marzo 2019

Per la promozione del progetto FOR-MARE e dintorni l’ANAP Sardegna ci incarica di studiare la strategia di comunicazione. Insieme al claim Il tuo futuro si chiama Sardegna abbiamo costruito l’immagine coordinata.

Tesori di Fede · febbraio 2019

Sono tanti i modi con i quali i fedeli manifestano le proprie credenze e appartenenze religiose, e la gente vive le proprie devozioni popolari. Il sentimento religioso e la ricerca del sacro sono radicati nell’intimo di ogni uomo e si esprimono con originali creazioni artistiche nei tanti luoghi e momenti della vita delle comunità. Uno dei principali luoghi che custodiscono varie e molteplici suppellettili liturgiche, antichi paramenti sacri, oggetti di culto, immagini di santi e di feste patronali sono senz’altro le nostre chiese. Le chiese parrocchiali, infatti, così come gli oratori e i santuari dei Santi e della Madonna sono au- tentici scrigni d’arte sacra e di memoria religiosa.

Così viene presentata la mostra Tesori di Fede al Museo Diocesano Arborense di Oristano  per la creiamo l’immagine coordinata e le immagini fotografiche del materiale informativo.

Scarica il pieghevole

Tesori di Fede - spazio

Manifestazioni Equestri Storiche · febbraio 2019

Organizzato dalla Fondazione Sa Sartiglia, il convegno affronta il tema del benessere e della sicurezza delle manifestazioni equestri storiche. La Fondazione ci incarica di realizzare il materiale di comunicazione.

MES - spazio