riga-arancione     ADWM-per-Sardex-5 riga-arancione

THE BRIG · agosto 2017

In sintonia e in collaborazione con la XIX edizione del Dromos Festival, la Pinacoteca propone la mostra The Brig, nella quale vengono affrontati, col linguaggio polimorfo e dissonante dell’arte contemporanea, i temi legati alle nostre prigioni, mentali prima che fisiche, ai nostri recinti nei quali ciascuno di noi, più o meno consapevolmente, decide di entrare quotidianamente fino a rimanerne sopraffatto. Alla ricerca artistica il compito di evocare una condizione di schiavitù o detenzione che non necessita di un reato, che racconta di folle apparentemente libere ma nella sostanza prigioniere, che descrive pregiudizi, fobie, idiosincrasie, processi interiori e sociali capaci di farci schiavi, meccanismi messi in atto quotidianamente che finiscano per renderci succubi delle situazioni, di persone e di beni materiali dei quali ci circondiamo.

Così Ivo Serafino Fenu introduce la mostra in esposizione nella Pinacoteca Carlo Contini di Oristano.

Per questa mostra abbiamo realizzato tutte le immagini grafiche e di comunicazione.

La foto è stata realizzata da Juha Arvid Helminen.

• Scarica il pieghevole

THE-BRIG---manifesto

Dromos 2017 · PRIGIONI

Tutti siamo chiusi in una prigione. La mia me la sono costruita da solo, ma non per questo è facile uscirne

Giorgio Faletti

Per il suo XIX anno di vita il Festival Dromos affronta, in linea con una scelta progettuale che da anni ne caratterizza la programmazione, un tema ostico ma di cocente attualità: le prigioni, mentali prima che fisiche, i recinti nei quali ciascuno, più o meno consapevolmente, decide di entrare fino a rimanerne sopraffatto. Il titolo Prigioni, potrebbe indurre a pensare ad Antonio Gramsci e alla sua morte, avvenuta esattamente  ottant’anni fa, una morte accelerata dalla lunga prigionia inflittagli dal regime fascista e, pertanto, al carcere come interminabile e spesso fatale luogo di espiazione di una colpa o come strumento di censura e di cancellazione del libero pensiero. Se non mancheranno approfondimenti in tal senso è pur vero che lo spirito del festival fa proprio, viceversa, l’aforisma di Giorgio Faletti che colloca, come premesso, la dimensione della cattività come condizione esistenziale, spirituale e culturale più che fisica.

Con queste parole Ivo Serafino Fenu introduce la XIX edizione di Dromos festival. Per l’Associazione omonima seguiamo la progettazione grafica e la comunicazione.

• Scarica l’opuscolo

Dromos-2017 - manifesto

MISTER CRUNCH · luglio 2017

Non una semplice panineria o insalateria, ma il piacere della ricerca del gusto, della sensibilità e del desiderio di condividere una passione. Con questa introduzione Riccardo Barbarossa, vulcanico imprenditore sardo, ci incarica di realizzare l’immagine e la comunicazione. E così nasce Mister Crunch, il simpatico personaggio che accompagna tutti i prodotti gastronomici offerti dalla panineria.

MISTER-CRUNCH---immagine

Shopping sotto le stelle · 2017

Estate 2017. Decima edizione di Shopping sotto le stelle la manifestazione creata e organizzata dalla Confcommercio di Oristano. Fin dalla prima edizione (1998) realizziamo la campagna di promozione dell’evento.

• Scarica la cartina-pieghevole

Shopping-Sotto-le-Stelle-2017

Spettacoli equestri della Sardegna Barocca · giugno 2017

La Fondazione Sa Sartiglia di Oristano, nell’ambito delle manifestazioni di contorno per la promozione dell’importante giostra equestre oristanese, organizza il convegno Spazio scenico, spettacoli equestri e rappresentazioni nelle feste della Sardegna Barocca. Ancora una volta esaltiamo, concentrandoci su un particolare, l’opera realizzata nel 1990 dall’artista Mauro Ferreri, in collaborazione con Enrico Fiori, La Sartiglia al tempo di Carlo V.

Sardegna Barocca 2017

Twenty Five · Giovanni Coda exposition · giugno 2017

La Pinacoteca Comunale Carlo Contini apre i suoi spazi alla mostra Twenty five – Giovanni Coda exposition, dedicata ai venticinque anni di carriera di Giovanni “Jo” Coda, fotografo e regista cagliaritano ma oristanese d’adozione, tra i più talentuosi e pluripremiati della Sardegna. Ci sono mostre che, in determinati momenti storici, oltre che per i loro contenuti estetici si impongono come “necessarie” perché costringono, spesso con un approccio urticante, a meditare su una contemporaneità contraddittoria e sempre meno inclusiva.

Così Ivo Serafino Fenu introduce la mostra in esposizione nella Pinacoteca Carlo Contini di Oristano.

Per questa mostra abbiamo realizzato tutte le immagini grafiche e di comunicazione.

• Scarica il pieghevole

Twenty-Five-·-Giovanni-Coda-Exposition

 

Gràtzias dae coro · maggio 2017

Ogni anno, con il trapianto, migliaia di persone gravemente ammalate e spesso a un passo dalla morte tornano a vivere: riprendono a lavorare, fare sport, avere figli, viaggiare. Migliaia di persone riacquistano una vita piena grazie al gesto d’amore di quanti hanno scelto di donare gli organi.

La società Terra de Punt ci incarica di realizzare per l’ASSL di Oristano un pieghevole in limba sarda e lingua italiana per la spiegazione della donazione degli organi.

• Scarica il pieghevole

Gràtzias-dae-coro---copertina

Il sacro nell’opera di Antonio Corriga · maggio 2017

Il sacro nell’opera di Antonio Corriga è il titolo dell’esposizione dedicata dal Museo Diocesano Arborense di Oristano al grande pittore atzarese. È nostra cura la realizzazione dell’immagine per la comunicazione e la grafica e l’impaginazione dei pannelli che arricchiscono l’allestimento.

• Scarica i pannelli

IL-SACRO-NELL'OPERA-DI-ANTONIO-CORRIGA---2017

Sa prama filada · aprile 2017

Il Museo Diocesano Arborense di Oristano organizza la mostra Sa prama filada · La cultura della palma in Sardegna. Per questa esposizione realizziamo l’immagine per la comunicazione e la grafica e l’impaginazione dei pannelli che arricchiscono l’allestimento.

• Scarica i pannelli UNO

• Scarica i pannelli DUE

SA-PRAMA-FILADA---2017

 

Nel mondo grande e terribile · aprile 2017

Il film racconta la vita e le idee di Antonio Gramsci attraverso le parole che ha scritto nelle Lettere e nei Quaderni dal Carcere. Vengono mostrati gli ultimi dieci anni della sua vita in carcere. Un carcere duplice: materiale, concreto ma anche intangibile, immaginario. Un periodo duro e faticoso. Ciononostante, le sue riflessioni durante il carcere, hanno lasciato una traccia indelebile nel pensiero filosofico contemporaneo. Lo spazio scenico del presente carcerario è mostrato anche come uno spazio mentale, quasi astratto che si allarga e si restringe a seconda del suo stato d’animo. Il prigioniero Gramsci lotta, dibatte, rievoca. Nella sua cella si materializzano i suoi ricordi e i suoi fantasmi. Il film si articola in una struttura a più livelli che si intersecano, e si ritrovano in rimandi e assonanze reciproche.

Cosi viene presentato il film Nel mondo grande e terribile prodotto dalla società Terra de Punt che ci incarica di realizzare l’intera immagine di promozione del film.

• Scarica la presentazione

Nel-mondo-grande-e-terribile---manifesto